Le meraviglie

  • CAPPELLA E COMPLESSO DI SANTA MARIA GORETTI-COLL

    CAPPELLA E COMPLESSO DI SANTA MARIA GORETTI-COLL

    La sua era una famiglia contadina di umili origini ma dignitosa e devota ai principi cristiani. Col crescere della famiglia il piccolo podere del padre non fu più sufficiente al suo sostentamento, decise così di trasferirsi nella campagna di Paliano, presso la fattoria del senatore Scelsi, nella quale venne impiegato come mezzadro. Il luogo non è molto cambiato da allora, il casolare abitato dalla famiglia della santa ancora si trova immerso nel verde; la casa era poverissima e fatiscente ed una lapide ricordava il passaggio della famiglia marchigiana in questa tenuta di Colle Granturco: qui i Goretti dimorarono solamente tre anni. Al centro della fattoria di Colle Gianturco c’è una cappella di campagna e vicino all’ altare vi è oggi il quadro di della santa. »

  • LA MOLA DE' PISCOLI A PALIANO

    LA MOLA DE' PISCOLI A PALIANO

    La Torre de' Piscoli (che nei documenti è ricordata solo a partire dal 1332), situata tra le località di Colle Rampo e Polledrara a circa 6 km da Paliano, originariamente era un organismo isolato facente parte di un sistema semaforico di presidio militare, a controllo delle vie Prenestina, Labicana e Latina; in seguito vennero aggiunte le altre opere di difesa ed annessi vari. La torre venne isolata con un fossato, fornito di acqua tramite un canale artificiale di collegamento con il fiume Sacco, e con un recinto murario delimitante un cortile, al cui interno aderiscono corpi di fabbricati ad uso di servitù e per il ricovero di grano e olio; esternamente ci sono gli edifici delle mole, le cui macine in pietra erano azionate dall'acqua proveniente dal canale-fossato, che veniva poi reimmessa nel fiume. Nel Medioevo, la Mola dei Piscoli era il passaggio obbligato per entrare in territorio palianese da sud, dato che quel punto del fiume Sacco ne indicava il confine; la strada che conduceva a Paliano passava sopra un ponte, ancora in uso, a sesto ribassato con grossi conci di tufo. Appartenuta alla famiglia Colonna e nel 1537 ad un certo Giovanni Piscoli, da cui prese il nome, ancora nel 1778, la mola e le stanze adibite a oliaria sono riportate negli elenchi delle entrate dei Colonna di Genazzano. A marzo, nell'ambito della Giornata di Primavera FAI, sono previste delle visite guidate in questo luogo davvero suggestivo e carico di storia. Testo di Achille Pacciani »

  • CAPPELLA COMPLESSO S.MARIA GORETTI

    CAPPELLA COMPLESSO S.MARIA GORETTI

    Si ha notizia dell'esistenza di una chiesa in questo sito già dal XVII sec., ma essendo di proprietà »

  • CONVENTO DEI FRATI CAPPUCCINI

    CONVENTO DEI FRATI CAPPUCCINI

    Si ha notizia dell’esistenza di una chiesa in questo sito già dal XVII sec., ma essendo di proprietà... Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum »

  • LA SELVA DI PALIANO

    LA SELVA DI PALIANO

    E' un luogo suggestivo, fatto di colline ondulate con vigne, boschi, prati e laghi. Si incontra sulla Via Palianese, a due chilometri dall'Autostrada del Sole (uscita Colleferro). La Selva vuole essere un'idea che sottolinea l'importanza della logica nelle apparenti contraddizioni. L'utile deve essere associato al superfluo, il razionale con l'assurdo, i bilanci, il lavoro e la disciplina con la poesia, la partecipazione e l'inventiva. I fiori, le piante e gli animali, con l'uomo elettronico consumato dall'asfalto e dal cemento. La Selva affonda la sua essenza in un rapporto ininterrotto con il territorio e nel rispetto dell'ambiente e delle forme architettoniche. La Selva di Paliano è un'area di 470 ettari. Il Parco Uccelli è nato nel 1974 dall'intuizione e dall'impegno del Principe Antonello Ruffo di Calabria. Nel parco, meta, negli anni, di milioni di visitatori, attrezzato di bar, ristoranti, vivaio giardino, piste per cavalli e biciclette, giochi, vivevano circa duecento specie di uccelli, provenienti da tutto il mondo, alcune rare o in via d'estinzione. ORARI: 09:00 - 19:00 TELEFONO:. 333-1844979 - Tel. 0775-570837 E-MAIL: ufficiostampa@comune.paliano.fr.it PAGINA FACEBOOK: https://www.facebook.com/pages/LA-SELVA-DI-PALIANO/128020233897658 PUNTI RISTORO Esposizione Prodotti Tipici Locali Area Pic-nic (Barbecue al seguito no legna) possibilità di acquisto in loco carbonella.  »